Natale a Napoli 2016: mostre, mercatini natalizi, iniziative culturali e… pazzielle

Tag

, , , ,

Napoli, 2 dicembre 2016

Natale 2016 a Napoli sarà all’insegna delle “pazzielle”, lo strummolo sarà il simbolo di queste festività.   E’ stato presentato oggi il calendario degli eventi per il Natale 2016 (qui il comunicato stampa) , che sarà caratterizzato da numerose aree mercatali all’aperto, mostre, eventi culturali, nel ricordo di Luca de Filippo.

Il Natale a Napoli è San Gregorio Armeno, è pastori e presepe (il pastore in fotografia è realizzato dagli artisti dell’associazione ALAN Napoletani, mostre presepiali quest’anno sono organizzate alla basilica di Santa Maria Maggiore della Pietrasanta, a San Severo al Pendino, a Castel dell’Ovo come di seguito riportato), ma è anche altro.

E l’altro non è solo N’Albero, enorme struttura temporanea in costruzione alla rotonda Diaz che ha raccolto critiche positive e negative, ma è anche mercatini di Natale in tutti i quartieri, villaggi natalizi (a piazza Municipio ed alla Mostra d’Oltremare… in origine anche all’Edenlandia ma per ora è stato fermato tutto per mancanza di alcuni permessi), mostre, musica ed eventi culturali.   Si va dalle Storie di giocattoli – dal Settecento a Barbie allestito a San Domenico Maggiore alla mostra “ I Tesori Nascosti Tino di Camaino-Caravaggio-Gemito” curata da Vittorio Sgarbi che resterà alla Pietrasanta dal 6 dicembre fino a maggio 2017, dalla cantata dei pastori il 26 al Maschio Angioino al concerto di Capodanno di soli mandolini nella sagrestia della chiesa di San Severo al Pendino, dal Napoli City Choir che si esibirà a Ponticelli il 15 dicembre alla valida iniziativa del “giocattolo sospeso”.

Di seguito l’elenco ed il calendario degli eventi del Natale a Napoli nonché l’ubicazione di tutti i mercatini natalizi (si ringraziano per le foto Enza Falsone, Laura Saffiotti, Velia Cammarano).  (fonte sito del comune di Napoli – si consiglia di consultare sempre il sito ufficiale del comune per eventuali variazioni del programma degli eventi)

Continua a leggere

Il degrado di Palazzo Penne

Tag

, ,

Napoli, 2 dicembre 2016

Due video realizzati dal consigliere municipale Pino de Stasio mettono nuovamente in primo piano lo stato di degrado in cui si trova l’interno del rinascimentale palazzo Penne.

Solo tre anni fa era restituito ad antica bellezza lo stupendo portale d’ingresso, nell’ambito di un progetto di restauro che avrebbe dovuto prevedere il recupero dell’intero stabile finanziato con 13 milioni di euro di fondi POR FESR 2007-2013, come annunciato a suo tempo dall’assessore Cosenza.

Il palazzo, come ricordato anche su wikipedia, fu acquistato nel 2002 dalla regione Campania, per salvarlo dal degrado. Da allora e fino al 2013 solo annunci ed anche un’inchiesta giudiziaria (conclusa con assoluzione per Bassolino e gli altri imputati)… poi quella che sembrava la svolta nel 2013 con il restauro del portale.. da invece allora poco o nulla è cambiato.  Nel maggio 2015 vi fu anche una conferenza organizzata sul tema, poi il silenzio.

L’interno, come mostrano le immagini estratte dal video realizzato questa mattina da Pino de Stasio, è in condizioni pietose, con buona parte dell’edificio inagibile, crollo di cornicioni e crescita di piante nel cortile.

Palazzo Penne, va ricordato, è uno dei rari esempi di architettura civile angioina in città, insieme a palazzo Diomede Carafa. Fu fatto costruire nel 1406 da Antonio Penne, segretario di re Ladislao, in prossimità di uno degli ingressi della città per chi proveniva da mare.

 

Il molo San Vincenzo aperto a tutti per la maratonina Propeller (e concorso fotografico) il 4 dicembre

Tag

Napoli, 1 dicembre 2016

Torna anche quest’anno la “maratonina propeller di Santa Barbara“, evento gratuito che si terrà domenica 4 dicembre 2016 nella splendida cornice di molo San Vincenzo.  La gara non competitiva è aperta a tutti e consentirà di passeggiare / correre in un luogo normalmente non accessibile. L’appuntamento è per le ore 9,00 al piazzale Bandiera del molo San Vincenzo.

Contestualmente alla maratonina è stato organizzato un contest fotografico dal tema “Il mare bagna Napoli: fotografie dal molo San Vincenzo” e saranno premiate le migliori tre “reinterpretazioni della tavola Strozzi“.

Per l’occasione il gruppo Conosciamo Napoli e la Campania ha organizzato una passeggiata per partecipare insieme alla maratonina.  Come di consueto la passeggiata di gruppo  è aperta ai primi che si prenoteranno (70 in tal caso).  Maggiori info sulla pagina evento su facebook.

La speranza è che prima o poi il molo sia davvero accessibile sempre ed a tutti, restituendo alla città una passeggiata di oltre due chilometri in mezzo al mare, accanto al molo Beverello.

Ps… domenica 4 si vota per il referendum costituzionale… l’ideale sarebbe presentarsi alla passeggiata dopo aver votato.   (E l’ideale dal mio punto di vista sarebbe presentarsi dopo aver votato NO😉 ).

 

La fotografia dall’alto è stata scattata dalla rampa che collega via Donizetti a via Sanfelice durante una delle passeggiate di Conosciamo Napoli e la Campania scendendo dal Vomero per il Petraio.

I cormorani a Napoli, anche quest’anno sono presenza fissa al largo di via Caracciolo

Tag

, ,

lungomare-cormorani-e-capri-nov-2016_bn

Napoli, 26 novembre 2016

Ultimi godibilissimi giorni per Napoli a 20°C e più… prima o poi arriverà il freddo (pare, stando alle previsioni meteo, che l’attesa sarà breve), nel frattempo i cormorani sono arrivati ed oramai da alcune settimane osservano dagli scogli la città, i gabbiani, le barche dei pescatori e Capri.   Napoli è da anni un luogo di svernamento dei cormorani (Phalacrocorax carbo). Consultando il sito del CSI Gaiola è possibile scoprire che oramai da oltre dieci anni è noto  che “nell’area compresa tra Posillipo e Nisida vi sia il più grande sito di svernamento diPhalacrocorax carbo in Campania”.   Da diversi ann, inoltre, è consueta la presenza dei cormorani sugli scogli davanti a via Caracciolo, all’altezza quasi del consolato americano.  Le prime foto di cormorani che pubblicai sul blog (laboratorionapoletano.com) risalgono all’inverno 2009/2010.

cormorani-a-napoli-2011

cormorani a via Caracciolo – foto del 2011

Il 26 novembre va in scena Domina, proiezioni e monologhi, mostra fotografica e performance di danza alla casina pompeiana (nell’ambito della rassegna #Svergognati, un atto d’amore)

Napoli, 25 novembre 2016

Nell’ambito della rassegna Svergognati, promosssa dal comune di Napoli per le celebrazioni odierne della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, è stata organizzata per domani 26 novembre alle ore 16.00 e 17.00 alla Casina Pompeiana in villa comunale l’evento “DOMINA  it: egli domina, lat: lei padrona”,  proiezioni e monologhi, mostra fotografica e performance di danza contemporanea focalizzate sulla violenza di genere. La rassegna è a cura di Manuela Barbato e di Emma Cianchi.

 Segue comunicato stampa

Segue il comunicato stampa della rassegna

DOMINA
it: egli domina, lat: lei padrona
a cura di
Manuela Barbato, Emma Cianchi
Casina Pompeiana
sabato 26 novembre h 16 e h 17
evento inserito nella rassegna
SVERGOGNATI
un atto d’amore
organizzata da
Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Napoli

In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, e all’interno della rassegna Svergògnati – un atto d’amore organizzata dall’Assessorato alle pari opportunità del Comune di Napoli, va in scena alla Casina Pompeiana in Villa Comunale DOMINA. Proiezioni e monologhi, mostra fotografica e performance di danza contemporanea per indagare, portare alla luce e condividere un fenomeno sempre più dilagante: la violenza sul corpo e sulla mente della donna ad opera dell’uomo. E’ una violenza di genere, che, seppure dissimulata all’inverosimile, intacca le relazioni affettive, lavorative e sociali di ogni donna. E’ una violenza che conosce innumerevoli campi di azione e ancor di più innumerevoli gradi d’intensità dal più efferato al più celato e impercettibile. Per dirla con le parole di Michel Foucault, filosofo del biopotere “il potere è tanto più forte quanto più è dissimulato”.

DOMINA è un termine che va letto nei due significati, quello italiano: verbo dominare, sottomettere “egli domina” e quello latino: sot. femm. domina, dominae padrona, moglie, donne amata. La performance prende vita dall’indebolimento di una donna plasmata e completa la sua parabola con l’affermazione di quella stessa donna finalmente libera e fiera di essere padrona di se stessa. La mostra fotografica a cura di Federica Capo riprende alcuni momenti dell’atto performativo riportando in sei scatti la dicotomia interna al termine DOMINA. Il monologo, scritto da Manuela Barbato critico di danza e operatrice nel settore cultura, è indirizzato agli uomini e anziché alle altre donne, sottolineando così la necessità che sia l’uomo a dover rimettere in discussione se stesso e non la donna a trascorrere la vita a difendersi.

Buongiorno dal parco di Scampia…

Tag

, , , ,

area-giochi-parco-di-scampia-napoli

Napoli, 23 Novembre 2016

Un’area giochi per bambini ben strutturata,verde pubblico curato, una bella giornata di sole autunnale. Ricordando gli articoli che appaiono spesso sui media sullo stato delle aree giochi per bambini partenopee verrebbe da scrivere “non sembra Napoli”… il profilo dell’architettura in fondo a sinistra è però inconfondibile… una vela… siamo a Scampia, Napoli, Italia.  Forse è il caso di mostrare anche l’altra Scampia, quella raramente raccontata dai giornali e dai romanzieri alla Saviano.

Fotografia del parco di Scampia, gestito dal comune di Napoli, scattata da Rosario di Lorenzo questa mattina.

La testa di cavallo in bronzo di Donatello al MANN e la sfilata storica per le strade di Napoli in suo omaggio (orari e percorso)

Tag

, , , ,

Napoli, 18 novembre 2016

La testa di cavallo in bronzo attribuita a Donatello, originariamente collocata all’interno di palazzo Diomede Carafa a Spaccanapoli, da domani avrà una collocazione degna di nota all’interno del Museo Archeologico Nazionale di NapolI (MANN). Per l’occasione tornerà la sfilata storica per le strade di Napoli, organizzata dalla Compagnia dell’Aquila Bianca e dal MANN con il patrocinio del comune di Napoli. La partenza dei circa 150 figuranti sarà infatti proprio dal Museo Archeologico Nazionale, alle 15,30, dopo un doveroso omaggio all’opera di Donatello; il corteo della sfilata aragonese attraverserà la città dal museo fino a piazza del Plebiscito lungo via Toledo.

La storia della testa di cavallo è nota: il re Alfonso il Magnanimo commissionò a Donatello una enorme statua equestre che avrebbe dovuto sormontare il maestoso arco di trionfo simbolo del potere aragonese ma il re morì solo due anni dopo. La testa di cavallo in bronzo fu inviata Lorenzo il Magnifico a Diomede Carafa e là rimase, nel palazzo del Carafa, dal 1471 fino al 1806, quando fu donata al Museo.  La storia della testa di cavallo fu ricostruita solo più tardi, dato che per anni si pensò che potesse essere parte di un monumento equestre di epoca romana originariamente collocato più o meno dove è adesso l’obelisco di San Gennaro. 

 

Immagini d’archivio, giostra dei sedili 2015 

 l’evento su facebook: https://www.facebook.com/events/658217431007733/
Il comunicato stampa

Musei: MANN riscopre cavallo di Donatello, simbolo Napoli 

L’opera in bronzo troverà il suo posto nel percorso museale 

NAPOLI 

(ANSA) – NAPOLI, 18 NOV – É uno dei simboli di Napoli ma ci voleva un direttore toscano, Paolo Giulierini, alla guida da un anno del Museo Archeologico (più 30% di visitatori), per rendere i dovuti onori alla ‘Testa di cavallo Carafa’, bronzo di Donatello che domani, accompagnato da una sfilata storica in costumi aragonesi, troverà il suo degno posto nel percorso museale. Un metro e 75 centimetri, ammirata da Goethe nel quattrocentesco palazzo nobiliare di via San Biagio dei librai, la testa era forse parte di un monumento equestre di 5 metri che Donatello avrebbe iniziato per Alfonso V d’Aragona, destinato al portale d’ingresso di Castel nuovo. L’opera incompiuta fu poi inviata da Lorenzo il Magnifico al Re Ferrante che la donò al suo cortigiano Diomede Carafa nel 1471 e quindi posta nel cortile di quello che per secoli si chiamò, appunto, ‘il palazzo del cavallo di bronzo’. Fino a che la protome, venerata dal popolo per una leggenda che la legava al Virgilio Mago autore di statue di animali portafortuna, venne donata al Museo Archeologico dall’ultimo principe di Colubrano Carafa, nel 1809. Da allora nel palazzo ai decumani c’è una copia in terracotta. Considerata dapprima reperto archeologico dal Vasari (che la riconobbe poi di Donatello) e Winckelmann, al MANN, tra i tesori pompeiani e Farnesi, la testa Carafa è stata sempre poco visibile al pubblico. Eppure il prof. Francesco Caglioti nel 2014 sciolse ogni dubbio sul suo autore grazie a documenti che attestano la commissione al Donatello da parte di Alfonso V d’Aragona e i mandati di pagamento al maestro fiorentino. “Il rientro della testa Carafa nel MANN assume un significato di grande rilievo – spiega Giulierini che da appuntamento a napoletani e turisti per lo svelamento nella nuova collocazione – L’opera di Donatello a Napoli collega immediatamente la città partenopea ai suoi capolavori di Firenze, si pensi alla statua del David o alla Maddalena, o a quelli di Padova (il monumento equestre del Gattamelata). Il Mann, che accolse il bronzo nell’Ottocento diventando l’ultima dimora di questa straordinaria opera, guadagna tre secoli di riflessione sul mondo classico. Non celebra cioè solo l’apporto dei Borbone alla rinascita dell’archeologia occidentale ma irradia i valori dell’Umanesimo e del Rinascimento che rappresentano forse la più grande rivoluzione culturale della storia”. ”Il Rinascimento – ricorda il cortonese Giulierini – era un mondo ancora fatto di manoscritti da poco riscoperti, di studi filologici, di qualche, raro, rinvenimento archeologico e di contemplazione di monumenti che emergevano ancora, quasi magicamente, nelle città che tornavano a nuova vita. Alle corti di Firenze, Milano, Roma, Mantova, Ferrara rispondono le Accademie, veri cenacoli di studiosi, come quella di Napoli: una Napoli aperta e osmotica, che sarà capace di importare anche la cultura fiamminga”

Via Tribunali, il decumano pedonale dal 1 dicembre 2016 fino all’8 gennaio 2017

Tag

, , , , , ,

decumanomaggiore_viatribunali_porticatopalazzodangio_

Napoli, 18 novembre 2016.

Il decumano pedonale per le feste di Natale.  Dal primo dicembre 2016 e fino all’ 8 gennaio 2017 sarà pedonalizzato il decumano maggiore (via dei Tribunali) ad integrazione dei dispositivi di zona a traffico limitato ed aree pedonali già vigenti nell’ambito del centro antico.

In particolare si apprende dal comunicato dell’Ufficio Stampa del comune di Napoli che verrà istituita un’area pedonale urbana

  • Dalle ore 8,00 alle ore 14,00 per i giorni 24,25,26 e 31 dicembre 016 e per il 1 gennaio 2017
  • Dalle ore 10,00 alle ore 22 per tutti gli altri giorni dal 1 dicembre all’8 gennaio 2017

Le strade interessate dal provvedimento sono:

  • via dei Tribunali nel tratto da via Nilo a via Duomo
  • Vico Purgatorio ad Arco, piazza San Gaetano, piazzetta San Gregorio Armeno
  • Piazza Gerolomini, vico Cinquesanti, vico Giganti, vico Gerolomini

 

Nei giorni e negli orari in cui sarà in vigore l’area pedonale urbana sarà garantito l’accesso a veicoli dei residenti diretti ai passi carrai degli edifici interni all’area pedonale, ai mezzi di soccorso ed emergenza, ai veicoli della Protezione Civile, ai veicoli che accompagnano disabili nell’area pedonale.

 

Guida Michelin 2017, le stelle in Campania, seconda regione per numero di ristoranti stellati… e fra i “big gourmand” spunta lo Stuzzichino di Sant’Agata sui due Golfi

Tag

,

palazzo+donnanna+fiori

Napoli, 16 novembre 2016

Cresce il numero di ristoranti stellati in Campania rispetto al 2016 (da 37 a 39), cresce il numero di stelle totali attribuite ai nostri ristoranti (45 rispetto alle 42 del 2016) grazie ai nuovi ingressi di Piazzetta Milù (Castellammare di Stabia), Il Mosaico (Casamicciola), Danì Maison (Ischia) e Veritas (Napoli), che fanno da contraltare all’uscita de L’accanto di Vico Equense e  del flauto di Pan di Ravello.  La Campania resta fra le regioni più stellate, seconda per numero di ristoranti stellati e per numero complessivo di stelle al pari del Piemonte, dopo la Lombardia.

Interessante anche l’ingresso fra i 260 ristoranti “Michelin Big Gourmand” (quelli presenti nella guida Michelin con un rapporto qualità/prezzo notevole…) fra i 12 campani di Lo Stuzzichino di Mimmo de Gregorio (Sant’Agata sui due Golfi).

La tabella pubblicata da Scatti di Gusto:

Località Prov. Stelle Locale
Vallesaccarda AV 1 stella Michelin Oasis-Sapori Antichi
Sorbo Serpico AV 1 stella Michelin Marennà
Telese BN 1 stella Michelin Krèsios
Caserta CE 1 stella Michelin Le Colonne
Vairano Patenora CE 1 stella Michelin Vairo del Volturno
Brusciano NA Taverna Estia
Capri (Isola di) / Anacapri NA 2 stelle Michelin L’Olivo
Capri (Isola di) / Anacapri NA 1 stella Michelin Il Riccio
Castellammare di Stabia NA 1 stella MichelinN Piazzetta Milù
Ischia/Casamicciola NA 1 stella MichelinN Il Mosaico
Ischia NA 1 stella Michelin1 stella MichelinN Danì Maison
Ischia (Isola d’) / Lacco Ameno NA 1 stella Michelin Indaco
Massa Lubrense / Nerano NA 2 stelle Michelin Quattro Passi
Massa Lubrense / Nerano NA 1 stella Michelin Taverna del Capitano
Massa Lubrense / Termini NA Relais Blu
Napoli NA 1 stella Michelin Il Comandante
Napoli NA 1 stella Michelin Palazzo Petrucci
Napoli  NA 1 stella MichelinN Veritas
Quarto NA 1 stella Michelin Sud
Sant’agata Sui Due Golfi NA 2 stelle Michelin Don Alfonso 1890
Sant’Agnello NA 1 stella Michelin Don Geppi
Sorrento NA 1 stella Michelin Il Buco
Sorrento NA 1 stella Michelin Terrazza Bosquet
Pompei NA 1 stella Michelin President
Vico Equense NA 1 stella Michelin Antica Osteria Nonna Rosa
Vico Equense NA 1 stella Michelin Maxi
Vico Equense / Marina Equa NA 2 stelle Michelin Torre del Saracino
Capri NA 1 stella Michelin Mammà
Amalfi SA 1 stella Michelin La Caravella
Caggiano SA 1 stella Michelin Locanda Severino
Eboli SA 1 stella Michelin Il Papavero
Maiori SA 1 stella Michelin Il Faro di Capo d’Orso
Mercato San Severino SA 1 stella Michelin Casa del Nonno 13
Paestum SA 1 stella Michelin Le Trabe
Positano SA 1 stella Michelin La Sponda
Positano SA 1 stella Michelin Zass
Ravello SA 1 stella Michelin Rossellinis
Salerno SA 1 stella Michelin Re Maurì
Valva SA 1 stella Michelin Osteria Arbustico

I ristoranti “Michelin Big Gourmand” campani (da Scatti di gusto)

Località Prov Locale
Ariano Irpino AV La Pignata
Serino AV Chalet del Buongustaio
Benevento BN Pascalucci
Pietravairano CE La Caveja
Massa Lubrense / Santa Maria Annunziata NA La Torre
Napoli NA N Locanda N’Tretella
Sant’Agata sui Due Golfi NA N Lo Stuzzichino
Santa Maria la Carità NA N Gerani
Cetara SA Al Convento
Furore SA Bacco
Palinuro SA Da Carmelo
Vallo Della Lucania SA La Chioccia d’Oro

In foto Palazzo donn’Anna… sfondo panoramico della nuova location di palazzo Petrucci, a Napoli.

Zilda: murales e panni stesi a palazzo Sanfelice (e un vecchio murales…)

Tag

, , , ,

Napoli, 13 novembre 2016

Finalmente ci sono riuscito… ad un anno dall’installazione mi son recato a palazzo Sanfelice per ammirare l’ultima opera installata da Zilda a Napoli: il vento pesa quanto le catene.  Quando ne scrissi per la prima volta sul blog, infatti, utilizzai le belle foto di Peppe Guida del gruppo facebook Conosciamo Napoli e la Campania.

Questa mattina la scena appariva come in foto: tanti panni stesi accanto all’opera dello street artist francese (viene da Rennes), una commistione che ancora di più rende unico il luogo scelto da Zilda, quel palazzo Sanfelice fra i più belli e dannati di Napoli, realizzato dal Sanfelice ma che necessiterebbe di ampio restauro e miglior fortuna.

 

Soggetto della terza foto è invece l’opera “Meditazione” di Zilda, risalente a qualche anno fa, oggi in cattivo stato di conservazione, come del resto previsto, dato che l’artista utilizza stencil in carta .  L’opera si trova all’ingresso di quel che resta del complesso di San Gaudioso, in vicoletto San Gaudioso.