Incendio fra Napoli e Pozzuoli: brucia il cratere della Solfatara

Tag

, ,

Napoli, 12 agosto 2017

Un grosso incendio si sta sviluppando questa sera sulle pendici del cratere della Solfatara, a Pozzuoli.  Sul posto diversi mezzi dei vigili del fuoco. Foto di Anna Assumma.

Evacuato in via precauzionale il campeggio, fiamme ancora alte ma sotto controllo grazie al lavoro dei vigili del fuoco.

Parco della marinella a Napoli: iniziano i lavori, sbloccati dopo il lungo contenzioso giuridico

Tag

Napoli 26 luglio 2017

Iniziano i lavori al parco della Marinella.  A darne notizia è il vicesindaco di Napoli Raffaele del Giudice, con alcune fotografie pubblicate sul proprio profilo facebook.

Qualche tappa della vicenda: nel 2013 il comune di Napoli bandì i lavori per la riqualificazione dell’area e la realizzazione del parco con fondi POR FESR 2013, nel 2014 il bando fu assegnato. Da allora una serie di ricorsi (e controricorsi) a TAR e consiglio di Stato da parte delle ditte che avevano partecipato al bando.   Un anno e qualche mese fa, quando il Consiglio di Stato accolse in parte il ricorso della ditta aggiudicataria, feci un post di riepilogo sul parco della Marinella .  

Ora riparte – a quanto si legge – la bonifica da parte della ditta incaricata dei lavori per la realizzazione del parco della Marinella.

 

Riapre la funicolare centrale: sabato 22 luglio alle 12,30 riprendono le corse (descrizione caratteristiche intervento di revisione)

Tag

, ,

Napoli, 18 luglio 2017

L’attesa è finita… sabato 22 luglio alle ore 12,30 riaprirà la funicolare centrale di Napoli, chiusa da agosto 2016 per la manutenzione ventennale.   Il sistema di funicolari cittadino ha un bacino di utenza di oltre 16 milioni di passeggeri, di cui oltre 8 milioni riguardano la funicolare centrale  (28 mila al giorno, circa 3 mila all’ora).

Le corse riprenderanno dopo quasi un anno alle 12,30  dopo l’inaugurazione alla presenza del sindaco di Napoli Luigi de Magistris, prevista alle ore 10,00 ed una visita tecnica riservata agli operatori dell’informazione.

L’esecuzione dei lavori è stata affidata al raggruppamento temporaneo di imprese Leitner (costruttore dell’impianto) e Sacmif, aggiudicatari della gara di appalto del valore di 7.131.483 euro (escluso IVA).   Secondo le previsioni iniziali la funicolare avrebbe dovuto riaprire entro il mese di giugno, riaprirà invece entro il mese di luglio.

I lavori di revisione ventennale hanno interessato anche il recupero integrale delle opere civili con il rinnovo delle sala di attesa e della sala macchine, la sostituzione dell’argano e dei motori, di tutta la componentistica e impiantistica di rete. Infine, l’introduzione di tecnologie per la sicurezza (con sistema wireless), per l’informazione alla clientela e per la movimentazione, il controllo e la gestione dell’impianto.

TIPOLOGIA E CARATTERISTICHE DELL’INTERVENTO DI REVISIONE
L’intervento di revisione generale ventennale ha previsto: il restyling dei treni, della linea e degli ambienti di stazione, della sala argano, della sala controllo comando e conduzione dell’impianto, l’introduzione di nuove tecnologie per la movimentazione e l’informazione al pubblico.
Rinnovo treni: riverniciatura della livrea carrozze, rinnovo cabina di comando, corrimano, piano di calpestio e sedute. Sostituzione ruote, revisione freni e carrelli, nuovi sistemi di movimentazione porte, impianto idraulico, elettronico per la trasmissione dati terra-treno-cabina.
Sala argano: sostituzione dell’argano e apparecchiature elettromeccaniche di nuova generazione che garantiscono anche la sensibile riduzione della trasmissione delle vibrazioni alle strutture del fabbricato.
Galleria, linea aerea e binari: sottoposte a interventi civili per il ripristino delle condizioni iniziali di idoneità statica e funzionale. Rinnovo dei sistemi di illuminazione con lampade a LED.
Videosorveglianza e sistemi di sicurezza: rinnovo completo degli impianti di videosorveglianza in stazione e sui treni: 80 nuove telecamere a circuito chiuso disseminate sull’intero percorso, nuovi anche gli impianti di diffusione sonora e interfono a terra e bordo treno per facilitare la comunicazione tra passeggeri conducente e stazioni, degli impianti di rilevazione incendi nelle stazioni, in galleria e sui treni.
Ambienti di stazione: tinteggiatura e rinnovo delle sale di attesa e dei servizi igienici. Installazione di pannelli elettronici per l’informazione al pubblico, nuovi impianti pubblicitari dinamici e retroilluminati e nuovi citofoni anche nelle stazioni.
Accessibilità: per gli utenti con disabilità motoria ascensore al Corso Vittorio Emanuele in sostituzione del montascale.
Arte in stazione: gli ambienti rinnovati della stazione Fuga ospitano anche i lavori degli otto finalisti della seconda edizione del “Premio Raffaele Pezzuti per l’Arte” il Concorso che valorizza giovani talenti delle arti visive, promosso dalComune di Napoli Assessorato ai Giovani in collaborazione con l’Azienda Napoletana Mobilità.
L’impianto rinnovato è stato sottoposto ai collaudi ministeriali e ottenuto il nulla osta tecnico del Ministero delle Infrastrutture e l’autorizzazione del Comune di Napoli riprende il regolare esercizio.

fonte Ufficio Stampa del comune di Napoli

Incendio agli astroni: un disastro. .. per il WWF in fumo oltre un terzo del verde dell’oasi

Napoli, 18 luglio 2017

Gli occhi che bruciano, la cenere che cade a pezzi, il fumo…  la giornata di ieri per Fuorigrotta è stata terribile, avvolta fra vari incendi.  Gravissimo quello che ha interessato l’area degli Astroni. 

Un incendio ancora stamane non del tutto domato.

 Un disastro, considerato che il cratere degli Astroni è una riserva WWF unica nel suo genere, ricca di fitta vegetazione caratterizzata dal singolare e raro fenomeno dell’inversione vegetale: man mano che si scende fino alla base dell’antica caldera la vegetazione varia come se si stesse salendo su per una collina: a monte vi son piante tipiche della pianura ed a valle, praticamente al livello del mare, castagni e querce (farnie). Una grande quercia secolare (più propriamente una farnia, quercus robur) è uno dei simboli di questa riserva.

Terribile il resoconto del WWF, ripreso da Il Fatto quotidiano: distrutto un terzo dell’oasi, fra macchia mediterranea e lecceta, con il rischio che l’incendio possa arrivare, qualora non sia stato domato del tutto, anche nella parte bassa… alla base del cratere.

Una notizia terribile ancora di più perché gli astroni rappresentano una delle poche aree naturali accessibili con relativa facilità ai bambini a pochi minuti d’auto dal centro di Napoli.   In questi mesi la riserva ospita la mostra “dinosauri in carne ed ossa”.

Napoli: incendio a Posillipo in via Petrarca e nella zona di AGNANO, ieri a Pianura ed agli Astroni (incendio ancora in atto)

Tag

, , ,

napoli incendio via petrarca

Napoli, 17 luglio 2017

Non si placa l’emergenza incendi, complice la delinquenza di alcuni e le condizioni meteo, con il vento che non aiuta le operazioni di spegnimento.

Da un’ora brucia anche la collina di Posillipo, un incendio che desta particolari preoccupazioni perché le fiamme rischiano di lambire le abitazioni di via Petrarca. Pare che l’incendio si sia sviluppato all’inizio fra via Posillipo e via Petrarca per poi salire fino a quest’ultima (altezza curvone ma anche oltre, verso i gesuiti).

Questa mattina era ancora densa la coltre di fumo nero che avvolgeva i Campi Flegrei a causa dell’incendio sviluppatosi in prossimità della discarica di Pisani a Pianura (foto delle 8).

Aggiornamento sull’incendio a Posillipo: situazione sotto controllo con pompieri in azione.  Foto e post di Francesco Carignani, consigliere municipale della I municipalità-

Aggiornamento:  nuovo incendio al cratere degli Astroni, questa volta dal versante di via Sartania con estensioni fino alla zona di Monte Sant’Angelo.   Forte odore di bruciato e cenere che cade in tutta Fuorigrotta. … un bollettino di guerra.  Foto da piazzale Tecchio:

incendio napoli pianura

Tramonto da Massa Lubrense su Procida

Tag

, , ,

Napoli, 5 luglio 2017

A volte si gira il mondo per cercare lo scatto di un tramonto… a volte basta girare per il golfo di Napoli per ammirare tramonti emozionanti ed unici.   Le fotografie sono state scattate domenica 2 luglio a Massa Lubrense, località Santa Maria Annunziata, a poca distanza dalla villa che fu – fra gli altri – di Gioacchino Murat.    In questo periodo, visto da Massa Lubrense, il sole va a nascondersi dietro il sottile profilo dell’isola di Procida, con Ischia e Capri a far da coprotagonisti di scatti unici.