Eccellenze nella ricerca, Assegnati ai giovani ricercatori gli ERC starting grants… 43 gli italiani, solo 19 i progetti in Italia, uno a Napoli

Tag

,

ERC 2017 risultati per nazione

Napoli, 6 settembre 2017

Sono usciti oggi i dati riguardanti gli “ERC starting grant”, gli european research council grants, le borse di studio per i progetti d’eccellenza nell’ambito della ricerca in Europa.

Sono stati assegnati 406 grant a giovani ricercatori (dai 2 ai 7 anni di esperienza post-dottorato) per oltre 600 milioni di euro in progetti di ricerca. Come sempre gli italiani risultano essere fra i migliori, con 43 borse assegnate ai nostri ricercatori. Come sempre nota dolentissima il numero di “grant” che verranno svolti in Italia… solo 19 (2 europei già in Italia, 3 ricercatori italiani che dall’estero rientrano in Italia, 14 italiani che svolgono già attività in Italia….) (qui i dati statistici da cui sono presi i grafici sopra riportati).   Un numero che non fa altro che confermare da una parte la qualità dei ricercatori italiani, dall’altro quanto sia difficile e quanto abbia meno appeal “fare ricerca” in Italia rispetto all’estero.  Guardando i progetti approvati (qui l’elenco completo degli ERC starting grant 2017) figura anche l’università degli Studi di Napoli Federico II fra le sedi dei futuri ERC grazie ad un progetto del dott. Domenico Cecere del Dipartimento di Studi Umanistici dall’acronimo DISCOMPOSE (Disasters, Communication and Politics in SouthWestern Europe: the Making of Emergency Response Policies in the Early Modern Age).    Maggiori informazioni sul progetto: http://www.unina.it/-/13765886-storie-di-successo-dalla-voce-dei-ricercatori-dsu-

Annunci

Incendio a Scampia coinvolge anche l’autoparco ASIA oltre a devastare il campo rom

Tag

, ,

incendio scampia automezzi ASIA bruciati

Napoli, 28 agosto 2017

Uno spaventoso incendio, che secondo alcune fonti pare avviato da un contadino che voleva bruciare sterpaglie (secondo altre da un’autovettura che ha preso fuoco), ha devastato il campo rom di Scampia in zona cupa Perillo e si è propagato all’interno dell’autoparco ASIA, distruggendo diversi camion della spazzatura.
Non sono stati i rom ad appiccare il fuoco ma è indubbio che le condizioni all’interno del campo abbiano contribuito alla devastazione.
Oggi si dovrà pensare agli sfollati (tanti i bambini) ed anche a gestire una raccolta rifiuti che sarà meno efficiente e più problematica fino all’arrivo di altri autocompattatori.

Il commento del sindaco di Napoli Luigi de Magistris (fonte ufficio Stampa del comune di Napoli – via facebook):

L’incendio – di evidente origine dolosa – che ha interessato la zona del campo Rom di Scampia è di una gravità inaudita. L’area interessata è vastissima ed anche l’autoparco della nostra azienda di igiene urbana, Asia, ha subito danni enormi, con circa una ventina di automezzi distrutti dalle fiamme. Dal momento che l’area di Cupa Perillo era anche interessata in queste settimane da interventi istituzionali e sociali importanti che si stanno realizzando e che sono decisivi è assai sospetta la tempistica degli incendi, con più focolai in diversi punti. E’ assolutamente necessario individuare i responsabili di questa azione criminale che ha prodotto danni ambientali e materiali devastanti e che poteva anche attentare alla vita di persone ed anche bambini. Enorme ed assai faticoso è stato il lavoro dei soccorritori – ancora in corso – ai quali va il mio sentito ringraziamento. Davvero in questa estate di fuoco non ci è mancato nulla, sempre in prima linea su miriadi di fronti durissimi.” E’ il commento del Sindaco Luigi de Magistris

Terremoto di Ischia: l’INGV rivede i calcoli 

Napoli, 25 agosto 2017

L’INGV ha ricalcolato epicentro e profondità del terremoto di Ischia che ha causato morti e crolli a Casamicciola. L’epicentro sulla terraferma e non più a qualche km in mezzo al mare e la profondità di 1,73 km e non più di 5 km (o di 9 km come indicato dagli americani) sono più coerenti con i danni provocati dal terremoto. Dopo giorni di polemiche ed interventi di illustri geologi questo ricalcolo con modelli più appropriati per la tipologia di sisma probabilmente alimenterà ulteriormente la discussione e le polemiche.

Fonte http://www.ov.ingv.it/ov/

Incendio fra Napoli e Pozzuoli: brucia il cratere della Solfatara

Tag

, ,

Napoli, 12 agosto 2017

Un grosso incendio si sta sviluppando questa sera sulle pendici del cratere della Solfatara, a Pozzuoli.  Sul posto diversi mezzi dei vigili del fuoco. Foto di Anna Assumma.

Evacuato in via precauzionale il campeggio, fiamme ancora alte ma sotto controllo grazie al lavoro dei vigili del fuoco.

Parco della marinella a Napoli: iniziano i lavori, sbloccati dopo il lungo contenzioso giuridico

Tag

Napoli 26 luglio 2017

Iniziano i lavori al parco della Marinella.  A darne notizia è il vicesindaco di Napoli Raffaele del Giudice, con alcune fotografie pubblicate sul proprio profilo facebook.

Qualche tappa della vicenda: nel 2013 il comune di Napoli bandì i lavori per la riqualificazione dell’area e la realizzazione del parco con fondi POR FESR 2013, nel 2014 il bando fu assegnato. Da allora una serie di ricorsi (e controricorsi) a TAR e consiglio di Stato da parte delle ditte che avevano partecipato al bando.   Un anno e qualche mese fa, quando il Consiglio di Stato accolse in parte il ricorso della ditta aggiudicataria, feci un post di riepilogo sul parco della Marinella .  

Ora riparte – a quanto si legge – la bonifica da parte della ditta incaricata dei lavori per la realizzazione del parco della Marinella.

 

Riapre la funicolare centrale: sabato 22 luglio alle 12,30 riprendono le corse (descrizione caratteristiche intervento di revisione)

Tag

, ,

Napoli, 18 luglio 2017

L’attesa è finita… sabato 22 luglio alle ore 12,30 riaprirà la funicolare centrale di Napoli, chiusa da agosto 2016 per la manutenzione ventennale.   Il sistema di funicolari cittadino ha un bacino di utenza di oltre 16 milioni di passeggeri, di cui oltre 8 milioni riguardano la funicolare centrale  (28 mila al giorno, circa 3 mila all’ora).

Le corse riprenderanno dopo quasi un anno alle 12,30  dopo l’inaugurazione alla presenza del sindaco di Napoli Luigi de Magistris, prevista alle ore 10,00 ed una visita tecnica riservata agli operatori dell’informazione.

L’esecuzione dei lavori è stata affidata al raggruppamento temporaneo di imprese Leitner (costruttore dell’impianto) e Sacmif, aggiudicatari della gara di appalto del valore di 7.131.483 euro (escluso IVA).   Secondo le previsioni iniziali la funicolare avrebbe dovuto riaprire entro il mese di giugno, riaprirà invece entro il mese di luglio.

I lavori di revisione ventennale hanno interessato anche il recupero integrale delle opere civili con il rinnovo delle sala di attesa e della sala macchine, la sostituzione dell’argano e dei motori, di tutta la componentistica e impiantistica di rete. Infine, l’introduzione di tecnologie per la sicurezza (con sistema wireless), per l’informazione alla clientela e per la movimentazione, il controllo e la gestione dell’impianto.

TIPOLOGIA E CARATTERISTICHE DELL’INTERVENTO DI REVISIONE
L’intervento di revisione generale ventennale ha previsto: il restyling dei treni, della linea e degli ambienti di stazione, della sala argano, della sala controllo comando e conduzione dell’impianto, l’introduzione di nuove tecnologie per la movimentazione e l’informazione al pubblico.
Rinnovo treni: riverniciatura della livrea carrozze, rinnovo cabina di comando, corrimano, piano di calpestio e sedute. Sostituzione ruote, revisione freni e carrelli, nuovi sistemi di movimentazione porte, impianto idraulico, elettronico per la trasmissione dati terra-treno-cabina.
Sala argano: sostituzione dell’argano e apparecchiature elettromeccaniche di nuova generazione che garantiscono anche la sensibile riduzione della trasmissione delle vibrazioni alle strutture del fabbricato.
Galleria, linea aerea e binari: sottoposte a interventi civili per il ripristino delle condizioni iniziali di idoneità statica e funzionale. Rinnovo dei sistemi di illuminazione con lampade a LED.
Videosorveglianza e sistemi di sicurezza: rinnovo completo degli impianti di videosorveglianza in stazione e sui treni: 80 nuove telecamere a circuito chiuso disseminate sull’intero percorso, nuovi anche gli impianti di diffusione sonora e interfono a terra e bordo treno per facilitare la comunicazione tra passeggeri conducente e stazioni, degli impianti di rilevazione incendi nelle stazioni, in galleria e sui treni.
Ambienti di stazione: tinteggiatura e rinnovo delle sale di attesa e dei servizi igienici. Installazione di pannelli elettronici per l’informazione al pubblico, nuovi impianti pubblicitari dinamici e retroilluminati e nuovi citofoni anche nelle stazioni.
Accessibilità: per gli utenti con disabilità motoria ascensore al Corso Vittorio Emanuele in sostituzione del montascale.
Arte in stazione: gli ambienti rinnovati della stazione Fuga ospitano anche i lavori degli otto finalisti della seconda edizione del “Premio Raffaele Pezzuti per l’Arte” il Concorso che valorizza giovani talenti delle arti visive, promosso dalComune di Napoli Assessorato ai Giovani in collaborazione con l’Azienda Napoletana Mobilità.
L’impianto rinnovato è stato sottoposto ai collaudi ministeriali e ottenuto il nulla osta tecnico del Ministero delle Infrastrutture e l’autorizzazione del Comune di Napoli riprende il regolare esercizio.

fonte Ufficio Stampa del comune di Napoli