Tag

, ,

Napoli, 15 Ottobre 2015

Premessa

Non è raro cercare percorsi alternativi per visitare Napoli. Gli amici di Conosciamo Napoli e la Campania del resto organizzano almeno una passeggiata al mese alla riscoperta  di luoghi più o meno conosciuti del capoluogo partenopeo. E’ quindi per me stato un piacere aiutarli ad organizzare il loro prossimo percorso, che si snoderà fra le scalinate ed i vicoli della parte bassa del centro antico di Napoli.  Avevo già proposto un itinerario simile su laboratorionapoletano.com qualche tempo fa (dall’antico porto -piazza Borsa al decumano del mare), quello però proposto insieme a Peppe Guida ed Orlando Catalano (fra le anime principali del gruppo facebook) è più completo ed interessante (qui il percorso), in quanto attraversa una parte della Napoli medievale-rinascimentale non sempre battuta dalle guide turistiche.   NB Nel post ogni link corrisponde ad una foto, ad un percorso, ad una descrizione di un palazzo, chiesa o strada, tutto tratto da laboratorionapoletano.com e pubblicato nel corso degli anni. Buona lettura.

Il percorso proposto da Conosciamo Napoli e da laboratorionapoletano.com (elaborazione di Orlando Catalano)

Il percorso proposto da Conosciamo Napoli e da laboratorionapoletano.com (elaborazione di Orlando Catalano)

La partenza: dalla spiaggia dell’antico porto (piazza Borsa) su per le scalette in centro città

cerriglio gradini di piazzettaSin dall’antichità Napoli aveva due porti, uno grande, situato in zona piazza Municipio (testimonianza dell’esatta collocazione di epoca greco-romana il ritrovamento delle navi durante gli scavi per realizzare la stazione metro di piazza Municipio) ed uno più piccolino, una sorta di porto di pescatori, noto come “mar ad Arcina“, quello che poi nei secoli sarebbe stato definito un “mandracchio“, termine utilizzato in diverse aree portuali del Mediterraneo, ma che avrebbe poi avuto nel corso dei secoli un’accezione negativa, come di luogo malfamato.  Ancora fino agli anni ’30 del XX secolo esisteva quest’ area portuale.   Tornando indietro nei secoli, va sottolineato che il livello del mare era un bel po’ più in basso, come testimonia l’antichissima chiesa di Sant’Aspreno al Porto, il cui ipogeo, che era una vera e propria cappella sulla spiaggia, è ancora oggi intatto così come appariva ai fedeli dell’ VIII-IX secolo (anche se realizzato in epoca paleocristiana su antiche costruzioni romane). Dal porto diverse stradine e scalette dovevano partire per raggiungere i palazzi a ridosso delle mura e la città vera e propria.  Una di queste, gradini di piazzetta, parte dalla zona del Cerriglio, sotto le mura dell’insula di Santa Maria la Nova, luogo che sarebbe diventato famoso nel XVII secolo come punto d’incontro di artisti e marinai (qui fu accoltellato Caravaggio).  Scommetterei che il 90% dei napoletani non ha mai percorso questi gradini, che sembrano inerpicarsi verso l’alto ma poi ritornano giù verso quello che oggi è sedile di Porto. Da qui salgono verso l’alto i gradini di pendino Santa Barbara, una scalinata che è là da almeno 700-800 anni e che è stata protagonista  (non positiva… ci vivevano le “nane”) del romanzo la Pelle di Curzio Malaparte nel secondo dopoguerra.

I banchi nuovi, palazzo Penne ed il ricordo di zi’Nennella

banchi nuovi di notteAttraversato l’ultimo arco, superato l’ultimo gradino di pendino Santa Barbara ci si ritrova catapultati nella Napoli antica. I nomi delle strade diventano plurisecolari e richiamano alla memoria fatti storici che si perdono nei secoli fino a diventare quasi leggenda. Da una parte si dirama, subito dopo largo Ecce Homo, via Donnalbina (come dimenticare i racconti delle vicende di Donn’albina Donna romita e Donna regina), dall’altra ci si ritrova fra i banchi nuovi. Ma il primo oggetto che si nota a largo Monticelli è quello che sembra uno sgangherato copri-cassonetto. In realtà celato là sotto c’è un monumento nazionale, “l’antica banca all’acqua solfurea”, come recitava la scritta sul marmo bianco, dell’acquafrescaia “Zi Nennella“.   Nella piazzetta è magnifico il portale di Palazzo Penne, da un paio d’anni restaurato (contrariamente al resto del palazzo). Si tratta di un palazzo ricco di storia (e di leggende), esempio superbo di architettura civile della Napoli del XV secolo. Di fronte è palazzo Palmarice (wiki) ed accanto la chiesa di San Demetrio e Bonifacio. Un’epigrafe posta sul palazzo descrive scene di vita del 1773 (qui il testo del Il banno dei Banchi Nuovi per sapere cosa vietava di fare). Questo banno fu proclamato ad alta voce e dopo il suono di tromba da parte dell’ “ordinario trombetta”il 24 luglio 1773 e quindi affisso sul muro del palazzo. Proseguendo per i banchi nuovi si passa accanto il palazzo dei duchi di Casamassima, costruito nel 1569 e si giunge al largo Banchi Nuovi, con la chiesa dei santi Cosma e Damiano, costruita laddove era l’antica loggia dei Banchi Nuovi, attualmente in stato di grande degrado.

Da San Giovanni Maggiore al Nilo

corpo di napoli statua del nilo restaurato  Lasciandosi sulla sinistra via Santa Chiara, si arriva a via Candelora e quindi a largo San Giovanni Maggiore.  Oltre a palazzo Giusso, sede storica dell’Orientale, ci si trova dinanzi la splendida cappella dei Pappacoda e soprattutto l’ingresso laterale della basilica di San Giovanni Maggiore.  Si tratta di uno dei monumenti più interessanti di Napoli, ogni parola in più è superflua.  Risalendo san Giovanni Maggiore Pignatelli, sulla destra vi è una seconda epigrafe. Risale al 1651 ed è un divieto di edificazione su quei suoli. Costeggiando il pallonetto di Santa Chiara, continuando per stradine e vicoli, si riesce a by-passare  Spaccanapoli, il decumano inferiore (al link il percorso da Piazza del Gesù a San Domenico Maggiore) e ci si ritrova direttamente su via Mezzocannone e poco dopo in piazzetta Nilo. Il Nilo, il Corpo di Napoli, è forse uno dei simboli più famosi della città.  Nel largo è anche la chiesa di Sant’Angelo al Nilo, al cui interno vi è il sepolcro del cardinale Brancaccio (wiki), uno dei monumenti più importanti di Napoli, realizzato da Donatello e Michelozzo fra il 1426 e 1428.

Dal corpo di Napoli alla sirena Partenope

fontana spina corona restaurataIl percorso prosegue per via Paladino. L’antica strada è piena di tracce di epoche storiche differenti: si può scorgere un’antica colonna romana ma anche la targa arrugginita della facoltà di Ingegneria, che qui aveva sede negli anni ’30 del XX secolo (un po’ di storia per chi vuole leggere). Di lato è la chiesa di Donnaromita, con la bella cupola maiolicata e poco più in là l’epigrafe su cui  è riportato il banno del 1600 che vietava di giocare in strada, pena il carcere.  La strada continua, costeggiando l’università e raggiungendo il Gesù Vecchio (XVI secolo – wiki).  Riprendendo il percorso indicato un bel po’ di parole più su, ci si avvia verso San Marcellino e Festo, con il bel chiostro che ospita sia sedi universitarie che il museo di paleontologia.  Di fronte è la chiesa dei santi Severino e Sossio, una delle chiese più belle e dense di storia di Napoli. Scendendo per le rampe di San Marcellino, si arriva nella zona di piazzetta Portanova. Degno di nota è il portale di palazzo Bonifacio , della stessa epoca di palazzo Penne.  Chiude il percorso la splendida fontana di Spina Corona, meglio nota come la “fontana delle zizze. Vale la pena approfondire un po’ la descrizione di questa storica fontana, di cui c’è traccia storica sin dal XV secolo, ricca di simbologia e dal significato e storia parzialmente oscuri: la sirena Partenope (nella versione “originale”, greca, metà donna e metà uccello) spegne le fiamme del Vesuvio con l’acqua che sgorga dai propri seni.

 

Due note a margine:

I banni e le epigrafi sui muri dei palazzi di Napoli

Banni ed epigrafi sui muri dei palazzi di NapoliDurante il percorso vi sono diverse lapidi del 1700 su cui sono riportati banni ed editti destinati alla popolazione. La lettura di queste preziose tracce del passato di Napoli permette di immaginare scene di vita quotidiana nella Napoli a cavallo fra il XVIII e l’inizio del XIX secolo.   – Il banno dei Banchi Nuovi L’epigrafe del Cerriglio ed altre

La vera street art

murales zilda napoli santa maria dell aiutoDurante il percorso sarà possibile ammirare alcuni murales e diverse opere di street art (quella vera, non i graffiti vandalici). In particolare sarà possibile ammirare l’opera di Zilda che è in via Santa Maria dell’Aiuto.

 

Advertisements